Hai provato mille diete, e ogni volta ti fai la stessa domanda:

“Perché non dimagrisco?”

Riflettiamo insieme …

La prima cosa da capire, è cosa significa per quella persona “non perdere peso”, se per molti l’obiettivo è vedere un numero diverso sulla bilancia, per tanti altri l’obiettivo è vedersi in un determinato modo o entrare in quel vecchio vestito.

Hai già escluso cause anatomiche, fisiologiche, organiche? La tua tiroide funziona bene? Sei stressata? Ti scarichi tutti i giorni? Dormi bene?..e ancora, ti idrati e urini a sufficienza? Molte volte la sola alimentazione non basta, ti ricordo che il dimagrimento è una conseguenza del benessere, puntiamo a quello per poi arrivare al pesoforma.

  • Sei un tipo pigro? Fai sport? Cosa intendi per “cammino molto”….. Spesso infatti si sopravvaluta l’attività quotidiana, molti preferiscono far le scale o camminare evitando l’iscrizione noiosa in palestra. Ma sei sicuro che in questo modo fai un’attività quotidiana e costante? Cammineresti mai con 2 gradi e la grandine? Faresti mai le scale dopo 8 ore di lavoro e uno zaino in spalla?
  • Hai fatto altre diete in passato? Che tipo di diete? Fai da te? Ipocaloriche? Beveroni? Quali sono stati i risultati e per quanto tempo? E’ ormai noto come le diete fai da te (se vuoi metti mio articolo di collegamento a questo) se pur sembrino portare risultati immediati, nel tempo invece causano uno stallo metabolico. Se stai seguendo una dieta proteica e priva di carboidrati, per esempio, a lungo andare forse possiamo pensare di invertire, di introdurre più carboidrati e dare nuovi stimoli al corpo.
  • Troppi fuori pasto? Troppi piccoli sgarretti? Attenzione capiamo la differenza. Un pasto libero è un qualcosa di programmato e ben pianificato, invece lo sgarro, il più delle volte, è un extra, uno strappo in più alla regola…uno in più.
  • Fame emotiva? Fame di gola? Fame di pancia? L’obiettivo è quello di assecondare la fame fisiologica, naturale; evitando il più possibile di far vincere la fame di testa. Prova a contare fino a 10 prima di prendere quel cioccolatino in più. ”E davvero necessario?” prova a distogliere per 5 minuti l’attenzione su quel pensiero, vedrai il potere del corpo e della mente! se quell’esigenza non sarà fisiologica, tempo qualche secondo è la tua mente non ti chiederà più quell’extra. Provaci!
  • … sei sicuro di fare abbastanza? Non lo vuoi veramente, non è prioritario. Non fraintendermi, sono sicura che tu ci tieni molto al tuo obiettivo, ma hai seguito? Hai rinunciato a qualcosa? Hai in qualche modo cambiato davvero il tuo stile di vita, le tue abitudini?

Insomma c’è tanto da parlare su questo tema; forse la prima soluzione da mettere in atto è cercare di essere sereni (con qualsiasi mezzo) perché più si è sereni, più sarà facile affidarsi e fidarsi alla professionista giusta per raggiungere il risultato.

Il più delle volte siamo grassi nel cervello.

Dott.ssa Tiziana D'Amico

Biologo Nutrizionista

Anche tu ti sei ritrovato in questo articolo e vuoi cercare una soluzione al tuo problema di salute?

Condividi sui social
Language
Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni