skip to Main Content

dieta

Il nostro corpo, bilancio energetico tra ENTRATE ⇧ e USCITE ⇩

L’energia introdotta con gli alimenti è utilizzata sia durante il riposo sia durante un’attività fisica. Se si introduce più energia di quanta se ne consuma, l’eccesso si accumula nel corpo sotto forma di grasso da riutilizzare in caso di richiesta energica e mancanza di alimenti introdotti.

Il ruolo fondamentale lo gioca il metabolismo ovvero la capacità di bruciare energia che è variabile da persona a persona.

Pur introducendo la stessa quantità di energia con la dieta e avendo uno stile di vita simile, una persona può tendere ad ingrassare e un’altra no. Questo non dipende solo da fattori ormonali, ma anche dall’assorbimento intestinale, dalla digestione, dalla conformazione delle cellule dell’individuo e dalle infiammazioni che possono creare un vero e proprio blocco istaminico.

Quantità eccessive di grasso rappresentano un pericolo per la salute e l’insorgenza di patologie.

Malattie cardiovascolari, diabete, ipertensione, alcuni tipi di cancro, insufficienze respiratorie e conseguenze meccaniche dovute al sovraccarico delle articolazioni (colonna vertebrale, ginocchia, anche, ecc…) possono essere il risultato di una cattiva alimentazione.

È sempre più evidente e dimostrato come il peso agisca sulla qualità della vita e sulla salute fisica e mentale.

Nel mondo è obeso 1 adulto su 10, un dato che è raddoppiato solo negli ultimi 30 anni, aumentando così il fattore di rischio per malattie cardiovascolari, diabete e tumori. Non sempre però in una dieta serve eliminare del tutto un alimento o un suo derivato.

Bisogna soprattutto seguire un corretto regime alimentare ogni giorno per avere le difese e le forze per depurare da subito il corpo da quella “frittura di paranza o da quella cotoletta di maiale che amiamo tanto” senza che questi ci causino del male.

dNa Milano ha plasmato un metodo innovativo e attraverso costanti studi e numerose ricerche nel settore Nutrizione svolte dai Biologi Nutrizionisti, con il supporto dei Medici presenti in sede, si prodiga ogni giorno per la Salute dei pazienti intenti a risolvere qualunque problematica relativa ad una scorretta alimentazione.

Le aree di intervento per la Nutrizione sono diverse ed oltre all’aspetto legato al semplice dimagrimento, dNa Milano ha sviluppato 4 aree: Nutrizione per patologie, Nutrizione sportiva, Nutrizione in gravidanza, Nutrizione pediatrica e svezzamento.

LE AREE DI INTERVENTO

NUTRIZIONE PER PATOLOGIE

Con il passare degli anni dati statistici dimostrano come le patologie a cui facilmente può far fronte l’uomo siano aumentate. Con l’avvento dei social networks e della facile ricerca in rete, numerose sono le informazioni – di cui troppe discordanti – in grado di creare confusione e fare danni. La letteratura scientifica ha dimostrato come la corretta alimentazione può a volte giocare un ruolo fondamentale nel fornire un supporto alla medicina tradizionale nella prevenzione e nella guarigione di molte malattie purché seguita da uno specialista in Nutrizione.

NUTRIZIONE SPORTIVA

Le attività sportive sono sia qualitativamente che quantitativamente molto diverse e di conseguenza richiedono fabbisogni energetici e di nutrienti molto diversi fra loro. Quando una persona decide di iniziare a praticare una determinata attività sportiva è necessario che fornisca al suo organismo maggiore energia oltre a quella normalmente utilizzata per il metabolismo basale, la termoregolazione, l’accrescimento o il mantenimento plastico dei tessuti o per il lavoro muscolare. Il compito del nutrizionista sportivo è quello di studiare, tramite la Bioimpedenziometria, la composizione corporea dell’atleta, la sua variazione durante lo stress muscolare e adattare il suo piano alimentare per il raggiungimento degli obbiettivi prefissati.

NUTRIZIONE IN GRAVIDANZA

Il principale ruolo di una madre è quello di nutrire, crescere e condurre il proprio figlio verso una vita migliore. Ecco perché l’essere mamma diventa quasi un dovere di ogni donna e richiede delle particolari ed attente regole. Negli ultimi anni, L’OMS ha sottolineato infatti, l’importanza del benessere psico-fisico della madre prima durante e dopo il parto. Per questi motivi, e non solo, dNa Milano promuove da tempo l’importanza di una sana nutrizione (non dieta) in tutto il periodo gestazionale.

NUTRIZIONE PEDIATRICA E SVEZZAMENTO

Lo svezzamento e la nutrizione in età pediatrica sono due fasi estremamente importanti per il bambino, ma ancora di più per la mamma, la quale senza volerlo, rischia di trasmettere ansie e fare errori solo per una sorta di carico emozionale o bombardamento di informazioni, a volte contrastanti. Prima di concentrarsi sulla scelta del cibo per il bambino, occorre porre l’attenzione sui tempi e sui modi di somministrazione e per questo motivo dNa Milano organizza corsi collettivi o colloqui personali con analisi della familiarità e delle abitudini per meglio gestire questa fase molto delicata nella vita dei futuri abitanti del mondo.

TABELLE ALIMENTARI INRAN e PORZIONI STANDARD S.I.N.U.

ALIMENTO COLESTEROLO
(MG/100 G P.E.)
Uova di gallina, tuorlo, in polvere 2800
Uova di tacchina, tuorlo 2397
Uova di anatra, tuorlo 2110
Uova di gallina, intero, in polvere 1600
Uova di gallina, tuorlo 1337
Uova di gallina, tuorlo, cotto in camicia 1337
Uova di gallina, tuorlo, congelato 1270
Fegato di pollo, cotto 746
Fegato di tacchino, cotto 599
Olio di fegato di merluzzo 570
Fegato di pollo crudo 555
Animelle di bovino, cotte 466
Cefalo muggine, uova [bottarga] 440
Fegato di tacchino crudo 435
Uova di gallina, intero, cotto a frittata o strapazzato 411
Rene di suino 410
Fegato di bovino, cotto 385
Rene di bovino 375
Uova di gallina, intero 371
Uova di gallina, intero, cotto alla coque o sodo 371
Uova di gallina, intero, congelato 370
Fegato di suino, cotto 290
Cuore di bovino, cotto 274
Fegato di suino, crudo 260
Burro 250
Animelle di bovino crude 250
Cuore di tacchino, cotto 238
Cuore di pollo, cotto 231
Lingua di bovino, cotta 211
Tacchino intero, con pelle crudo 195
Fegato di bovino 191
Salsiccia di fegato 184
Cuore di pollo crudo 170
Patè di fegato 169
Cuore di tacchino crudo 150
Ostrica 150
Gamberi, freschi 150
Gamberi, sgusciati, surgelati 150
Cuore di bovino 150
Sardine, sott’olio, sgocciolate 140
Cozza o mitilo 121
ALIMENTO COLESTEROLO
(MG/100 G P.E.)
Sardine, sott’olio 120
Pollo intero con pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 119
Acciuga o alice, sotto sale 119
Lingua di bovino cruda 119
Agnello, coscio, cotto [tessuto muscolare privato del grasso visibile, cotto in forno senza aggiunta di grassi e di sale] 116
Acciuga o alice, sott’olio 114
Tacchino, fuso, con pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 110
Aringa, sotto sale 110
Agnello cotto [tessuto muscolare privato del grasso visibile] 110
Molluschi 110
Latte di vacca in polvere, intero 109
Pollo intero senza pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 109
Grana 109
Tacchino, sovracoscio, senza pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 108
Tacchino, fuso, senza pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 107
Agnello, costoletta, cotta [tessuto muscolare privato del grasso visibile, cotta in forno senza aggiunta di grassi e di sale] 104
Granchio, in scatola 101
Vitello, filetto, cotto [saltato in padella senza aggiunta di grassi e di sale] 99
Salame cacciatore 99
Faraona, coscio, senza pelle, cotto [allo spiedo senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 99
Cotechino, confezionato precotto [bollito per 20 min. dentro la confezione e scolato dal liquido prodotto con la cottura] 98
Pollo, carne, pelle e rigaglie 98
Brie 98
Aringa, marinata 97
Coppa Parma 96
Zampone, confezionato precotto [bollito per 20’ dentro la confezione e scolato dal liquido prodotto con la cottura] 95
Lardo 95
ALIMENTO FERRO (MG/100 G P.E.)
Milza di bovino 42
Fegato di suino, crudo 18
Tè (foglie) 15.2
Corvina 14.4
Cacao amaro in polvere 14.3
Crusca di frumento 12.9
Fegato di ovino 12.6
Storione, uova [caviale] 11.8
Pepe nero 11.2
Germe di frumento [composizione media fra germe di frumento duro e tenero] 10
Menta 9.5
Fegato di equino 9
Fagioli -Borlotti secchi crudi 9
Fegato di bovino 8.8
Fagioli -Cannellini secchi crudi 8.8
Fagioli, dall’occhio secchi 8.8
Rosmarino 8.5
Rene di bovino 8
Lenticchie secche crude 8
Fagioli crudi 8
Radicchio verde 7.8
Pistacchi 7.3
Soia secca 6.9
Farina di soia 6.9
Polmone di bovino 6.7
Ceci secchi crudi 6.4
Uova di gallina, intero, in polvere 6.3
Ostrica 6
Rana 6
Pesche, secche 6
Anacardi 6
Cozza o mitilo 5.8
Muesli 5.6
Mormora 5.6
Basilico 5.5
Scorfano 5.5
Lupini, ammollati 5.5
Albicocche, disidratate 5.3
Salsiccia di fegato 5.3
Cuore di suino 5.3
Fiocchi d’avena 5.2
Rughetta o rucola 5.2
Albicocche, secche 5
Cioccolato fondente 5
Fave secche sgusciate crude 5
Cuore di equino 5
Cuore di ovino 5
Uova di gallina, tuorlo 4.9
Lievito di birra, compresso 4.9
Cuore di bovino 4.6
Piselli secchi 4.5
Patè di pollo 4.5
Pagello 4.3
Salpa 4.3
Salsiccia di suino, secca 4.3
Occhiata 4.2
Farina d’avena 4.2
Patè di coniglio 4.2
Prezzemolo 4.2
Spigola 4.1
Patè di fegato 4.1
Caffe’ tostato 4.1
Boga 4.1
Pagello bocca d’oro 4
Trippa di bovino 4
Feijoa 4
Grano saraceno 4
Salsiccia di suino, fresca, cotta, saltata in padella senza aggiunta di grassi e di sale 4
Prugne secche 3.9
Cavallo 3.9
Fette biscottate 3.8
Patè di prosciutto 3.8
Pesce gatto 3.7
Cocco, essiccato 3.6
Frumento duro 3.6
Cervello di bovino 3.6
Crema di nocciole e cacao 3.6
Cocco, essiccato 3.6
Olive da tavola conservate 3.5
Tartufo nero 3.5
Arachidi, tostate 3.5
Torrone alla mandorla 3.5
ALIMENTO FIBRA TOTALE (G/100 G P.E.)
Crusca di frumento 42.4
Biscotti integrali arricchiti con fibra 28
Carrube 23.1
Fave secche crude 21.1
Fagioli -Cannellini secchi crudi 17.6
Fagioli crudi 17.5
Fagioli -Borlotti secchi crudi 17.3
Piselli secchi 15.7
Pop corn 15.1
Farina di segale 14.3
Fichi, seccati al forno e mandorlati 14
Passiflora 13.9
Lenticchie secche crude 13.8
Castagne, secche 13.8
Cocco, essiccato 13.7
Ceci secchi crudi 13.6
Fichi, secchi 13
Fagioli, dall’occhio secchi 12.7
Mandorle dolci, secche 12.7
Snack di frutta pressata 12.6
Mele, disidratate 12.5
Soia secca 11.9
Farina di soia 11.2
Arachidi, tostate 10.9
Pistacchi 10.6
Frumento duro 9.8
Frumento tenero 9.7
Noci pecan 9.4
Orzo perlato 9.2
Datteri, secchi 8.7
Farina di frumento integrale 8.4
Tartufo nero 8.4
Semi di zucca secchi 8.4
Prugne secche 8.4
Lenticchie secche, cotte [bollite in acqua distillata senza aggiunta di sale e scolate] 8.3
Castagne, arrostite 8.3
Fiocchi d’avena 8.3
Nocciole, secche 8.1
Cioccolato fondente 8
Macadamia 8
Carciofi, cotti [bolliti in acqua distillata senza aggiunta di sale] 7.9
Fagioli, cotti [bolliti in acqua distillata senza aggiunta di sale e scolati] 7.8
Fagioli -Cannellini secchi, cotti [bolliti in acqua distillata senza aggiunta di sale e scolati] 7.8
Farina d’avena 7.6
Lamponi 7.4
Fave secche sgusciate, cotte [bollite in acqua distillata senza aggiunta di sale e scolate] 7.3
Crackers con crusca 7.1
Fave secche sgusciate crude 7
Fagioli -Borlotti secchi, cotti [bolliti in acqua distillata senza aggiunta di sale e scolati] 6.9
Lievito di birra, compresso 6.9
Farro 6.8
Cereali da colazione per bambini 6.5
Feijoa 6.5
Pane di tipo integrale 6.5
Pasta di semola, integrale cruda 6.4
Piselli freschi, cotti [saltati in padella senza aggiunta di grassi e di sale] 6.4
Muesli 6.4
Piselli freschi crudi 6.3
Piselli surgelati 6.3
Noci, secche 6.2
Pappa per bambini alle verdure 6.1
Grano saraceno 6
Biscotti integrali 6
Fave fresche, cotte [saltate in padella senza aggiunta di grassi e di sale] 5.9
Mele cotogne 5.9
Ceci secchi, cotti [bolliti in acqua distillata senza aggiunta di sale e scolati] 5.8
Ceci in scatola, scolati 5.7
Fagioli -Borlotti in scatola, scolati 5.5
Carciofi crudi 5.5
Fette biscottate integrali 5.4
Castagne, bollite 5.4
Guava 5.4
Uva, secca 5.2
Biscotti con crusca 5.2
Cavoli di bruxelles, cotti [bolliti in acqua distillata senza aggiunta di sale] 5.1
ALIMENTO GLUCIDI SOLUBILI (G/100 G P.E.)
Zucchero, saccarosio 104.5
Mele, disidratate 92.2
Caramelle dure 91.6
Pesche, disidratate 88
Albicocche, disidratate 84.6
Miele 80.3
Pere, candite 75.9
Canditi [ciliegie, scorzette di frutta, frutti ghiacciati] 75
Fichi, canditi 73.7
Uva, secca 72
Lenti colorate ripiene di cioccolato 70.8
Caramelle tipo “mou” 70
Gomme da masticare, lastrine e confetti 70
Pesche, secche 68.3
Albicocche, secche 66.5
Ciliege, candite 66.4
Datteri, secchi 63.1
Marmellate, normali e tipo frutta viva 58.7
Fichi, seccati al forno e mandorlati 58.2
Crema di nocciole e cacao 58.1
Fichi, secchi 58
Latte di vacca, condensato zuccherato 56.5
Latte di vacca in polvere, scremato 56.2
Prugne secche 55
Pasta di mandorle 54.6
Barretta al cocco ricoperta di cioccolato 53.7
Torrone alla mandorla 52
Cioccolato al latte 50.5
Latte di vacca in polvere, parzialmente scremato 50.2
Cioccolato fondente 49.7
Carrube 48.9
Cioccolato al latte con nocciole 48.6
Wafer ricoperto di cioccolato 46.8
Merendine, con marmellata 46.5
Merendine, farcite di latte 45.7
Latte di vacca in polvere, intero 42
Savoiardi 39.3
Gelato confezionato- ghiacciolo all’arancio 36.5
Crostata con crema al cacao 36.1
Biscotti per l’infanzia 35.7
Merendine, tipo pasta frolla 35.2
Merendine, tipo pan di spagna 34.9
Gelato confezionato- sorbetto al limone, in vaschetta 34.2
Torta margherita 34.1
Gelato confezionato- stracciatella, in vaschetta 31.5
Liquori da dessert 31.1
Biscotti integrali 28.8
Crostata con marmellata di albicocche, tipo industriale 28.4
Gelato confezionato- panna ricoperta di cioccolato fondente 28.2
Marsala tipico 28
Gelato confezionato- panna, in vaschetta 27.2
Biscotti wafers 26.7
Muesli 26.2
Pane al malto 26.1
Gelato confezionato- vaniglia, in vaschetta 25.7
Gelato confezionato- cacao, in vaschetta 25.3
Gelato confezionato- nocciola, in vaschetta 25.2
Peperoni, cotti [saltati in padella senza aggiunta di grassi e di sale] 24.3
Gelato confezionato- caffè, in vaschetta 23.9
Cipolle, cotte [bollite in acqua distillata senza aggiunta di sale] 23.6
Salsa tomato ketchup 22.9
Panettone 22.9
Cipolline, cotte [bollite in acqua distillata senza aggiunta di sale] 22.6
Merendine, tipo briosche 22.5
Biscotti frollini 22
Gelato confezionato- fior di latte, ricoperto di sorbetto alla fragola 21.3
Gelato confezionato- fior di latte, in vaschetta 20.7
Pomodori, conserva 20.4
Biscotti secchi 18.5
Baba’ al rhum 18.5
Carote, cotte [bollite in acqua distillata senza aggiunta di sale] 18.3
Mandarini 17.6
Uva, succo, in cartone 17.3
Litchi 17.2
Aperitivi a base di vino 17
Ananas, sciroppato 16.6
ALIMENTO LIPIDI (G/100 G P.E.)
Olio di girasole 99.9
Olio di mais 99.9
Olio di fegato di merluzzo 99.9
Olio di mandorle dolci 99.9
Olio di palma 99.9
Olio di sesamo 99.9
Olio di soia 99.9
Olio di vinacciolo 99.9
Olii vegetali [oliva, soia, mais ecc.] 99.9
Olio di oliva 99.9
Olio di oliva extra vergine 99.9
Olio di arachide 99.9
Olio di cocco 99.9
Olio di colza 99.9
Olio di germe di grano 99.9
Strutto o sugna 99
Lardo 99
Sego di bue 96.5
Margarina -100% vegetale 84
Margarina -2/3 di grassi animali, 1/3 di grassi vegetali 84
Burro 83.4
Macadamia 76
Noci pecan 71.8
Maionese 70
Noci, secche 68.1
Nocciole, secche 64.1
Cocco, essiccato 62
Noci 57.7
Pistacchi 56.1
Mandorle dolci, secche 55.3
Burro d’arachidi 53.7
Pinoli 50.3
Arachidi, tostate 50
Salsiccia di suino, secca 47.3
Mascarpone 47
Burrini 47
Anacardi 46
Cotechino, confezionato precotto 42.3
Salsiccia di fegato 41.2
Capocollo 40.2
Ciccioli 40
Butirro calabro 37.8
Mortadella di bovino e suino 37
Cioccolato al latte con nocciole 36.9
Latteria [formaggio tipico del Veneto] 36.4
Uova di gallina, intero, in polvere 36.4
Cioccolato al latte 36.3
Cocco 35
Panna o crema di latte 35
Oca 34.4
Salame Fabriano 34.3
Patè di prosciutto 34.3
Salame cacciatore 34
Salame ungherese 34
Cioccolato fondente 33.6
Pecorino siciliano 33.6
Coppa Parma 33.5
Pecorino romano 33.1
Crema di nocciole e cacao 32.4
Patè di coniglio 32.2
Pecorino 32
Patè di fegato 31.7
Zampone, confezionato precotto 31.6
Salame Milano 31.1
Caciocavallo 31.1
Cheddar 31
Formaggio cremoso spalmabile 31
Caciotta mista 31
Emmenthal 30.6
Salame Brianza 30.5
Formaggio molle da tavola 30.2
Patatine fritte, in busta 29.6
Caciotta toscana 29.6
Uova di gallina, tuorlo 29.1
Uova di gallina, tuorlo, congelato 29.1
Groviera 29
Anguilla d’allevamento, filetti 28.9
Salame nostrano 28.5
Caciottina mista 28.5
Provolone 28.2
Mortadella 28.1
Pancetta tesa 28.1
ALIMENTO PROTEINE (G/100 G P.E.)
Soia, isolato proteico 86.5
Melù o pesce molo, stoccafisso secco 80.1
Uova di gallina, intero, in polvere 51.9
Ciccioli 40.8
Vitello, filetto, cotto [saltato in padella senza aggiunta di grassi e di sale] 38.6
Caciocavallo 37.7
Soia secca 36.9
Farina di soia 36.8
Agnello cotto [tessuto muscolare privato del grasso visibile] 35.6
Cefalo muggine, uova [bottarga] 35.5
Faraona, coscio, senza pelle, cotto [allo spiedo senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 34.4
Parmigiano 33.5
Latte di vacca in polvere, scremato 33.1
Grana 33
Sardine fritte 32.3
Bresaola 32
Pinoli 31.9
Pollo, ala con pelle, cotta [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 31.7
Pollo, fuso con pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 31.2
Agnello, coscio, cotto [tessuto muscolare privato del grasso visibile, cotto in forno senza aggiunta di grassi e di sale] 31.1
Latteria [formaggio tipico del Veneto] 30.7
Faraona, petto, senza pelle, cotto [allo spiedo senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 30.7
Groviera 30.6
Salame Felino 30.5
Tacchino, sovracoscio, senza pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 30.2
Pollo, petto, cotto [saltato in padella senza aggiunta di grassi e di sale] 30.2
Maiale, leggero, bistecca, cotta [saltata in padella senza aggiunta di grassi e di sale] 30.1
Pollo, fuso senza pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 29.9
Tacchino, fesa, cotta [saltata in padella senza aggiunta di grassi e di sale 29.6
Prosciutto crudo, disossato, magro [privato del grasso visibile] 29.3
Arachidi, tostate 29
Merluzzo o nasello, baccala’ secco 29
Pecorino siciliano 28.9
Pollo intero senza pelle, cotto [arrosto di rosticceria] 28.9
Latte di vacca in polvere, parzialmente scremato 28.8
Agnello, costoletta, cotta [tessuto muscolare privato del grasso visibile, cotta in forno senza aggiunta di grassi e di sale] 28.7
Salame cacciatore 28.5
Emmenthal 28.5
Pollo, sovracoscio senza pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 28.3
Pollo intero con pelle, cotto [arrosto di rosticceria] 28.3
Prosciutto crudo San Daniele 28.3
Speck 28.3
Provolone 28.1
Tacchino, fuso, senza pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 28
Germe di frumento [composizione media fra germe di frumento duro e tenero] 28
Pollo intero senza pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 27.9
Coniglio intero, cotto 27.9
Caciotta romana di pecora 27.7
Prosciutto crudo di Parma, magro [privato del grasso visibile] 27.5
Salame nostrano 27.3
Fave secche sgusciate, crude 27.2
Pollo intero con pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 27.1
Caciottina mista 26.9
Storione, uova [caviale] 26.9
Prosciutto crudo, disossato 26.9
Prosciutto crudo San Daniele, magro [privato del grasso visibile] 26.8
Trota, surgelata, cotta [in forno a microonde senza aggiunta di acqua e di sale] 26.7
Pollo, sovracoscio con pelle, cotto [in forno senza aggiunta di grassi e di sale e scolato dal grasso prodotto con la cottura] 26.7
Salame Milano 26.7
ALIMENTO SODIO (G/100 G P.E.)
Soia, salsa 5720
Minestrone liofilizzato 5600
Prosciutto crudo di Parma 2578
Prosciutto crudo, disossato, magro [privato del grasso visibile] 2440
Prosciutto crudo, disossato 2238
Storione, uova [caviale] 2200
Salmone, affumicato 1880
Salame Brianza 1827
Pecorino 1800
Salame Felino 1697
Salame Napoli 1693
Pancetta magretta 1686
Salame Fabriano 1683
Salame nostrano 1633
Bresaola 1597
Speck 1557
Coppa Parma 1524
Salame ungherese 1504
Salame cacciatore 1498
Salame Milano 1497
Feta 1440
Salsiccia di suino, fresca, cotta, saltata in padella senza aggiunta di grassi e di sale 1273
Cotechino, confezionato precotto 1138
Salsa tomato ketchup 1120
Salsiccia di suino, fresca cruda 1100
Cornflakes 1100
Patatine fritte, in busta 1070
Aringa, marinata 1030
Pancetta tesa 1016
Corned beef, in scatola 1000
Formaggino 1000
Formaggino, meno grasso 1000
Wurstel, cotto [saltato in padella senza aggiunta di grassi e di sale] 930
Cotechino, confezionato precotto [bollito per 20 min. dentro la confezione e scolato dal liquido prodotto con la cottura] 875
Taleggio 873
Provolone 860
Salsiccia di fegato 810
Margarina -100% vegetale 800
Wurstel crudo 793
Patè di fegato 790
Pizza bianca 789
Pizza con pomodoro 775
Zampone, confezionato precotto 762
Prosciutto cotto, magro [privato del grasso visibile] 726
Brie 700
Grana 700
Zampone, confezionato precotto [bollito per 20’ dentro la confezione e scolato dal liquido prodotto con la cottura] 699
Carne bovina pressata, in scatola 697
Fontina 686
Carne bovina in gelatina, in scatola 656
Camembert 650
Prosciutto cotto 648
Cheddar 610
Parmigiano 600
Gorgonzola 600
Pane di segale 580
Uova di gallina, intero, in polvere 573
Granchio, in scatola 550
Latte di vacca in polvere, scremato 550
Salmone, in salamoia 540
Caciotta toscana 514
Ostrica 510
Mortadella 506
Melù o pesce molo, stoccafisso secco 500
Acciuga o alice, sott’olio 480
Minestre in scatola, crema di pollo 460
Panini al latte 460
Pecorino siciliano 450
Emmenthal 450
Latte di vacca in polvere, intero 440
Minestre in scatola, crema di cipolle 438
Fagioli -Cannellini in scatola, scolati 431
Biscotti secchi 410
Minestre in scatola, crema di asparagi 410
Pangrattato 400
Minestre in scatola, crema di funghi 398
Minestre in scatola, crema di pomodori 396
Croissants 390

Con il termine ipercolesterolemia si indica un livello di colesterolo totale nel sangue più alto di quello raccomandato dalla American Heart Association (200 mg/dl).

Il colesterolo totale, a sua volta, può essere distinto in colesterolo-HDL e colesterolo-LDL. Il colesterolo-HDL è considerato “buono” in quanto livelli più alti sono stati correlati con un rischio ridotto di malattie cardiovascolari. Un livello elevato di colesterolo-LDL (colesterolo “cattivo”), invece, è un forte fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

Il consumo di una dieta in grado di apportare la quantità necessaria di energia e nutrienti è essenziale per mantenere la salute e prevenire o ritardare l’insorgenza di malattie cronicodegenerative. Ecco alcuni consigli utili da seguire:

  • Consumare 5 o più porzioni di frutta e verdura al giorno (porzioni identificate dai LARN: per insalata = 50 gr; ortaggi = 250 gr a crudo; frutta = 150 gr).
  • Consumare 6 o più porzioni di cereali (inclusi quelli integrali) al giorno (porzioni identificate dai LARN: per pane e prodotti da forno = 50 gr; pasta o riso = 80 gr a crudo).
  • Limitare il consumo di zuccheri semplici (dolci, bevande zuccherate, caramelle).

I SERVIZI

  • Valutazione dello stato di nutrizione e determinazione dieta ottimale
  • Consulenza nutrizionale sportiva: valutazione dello stato di nutrizione con analisi vettoriale di impedenza e determinazione dieta ottimale
  • Analisi della composizione corporea tramite bioimpedenziometria vettoriale
  • Consulenza nutrizionale pediatrica: colloquio e piano alimentare
  • Consulenza nutrizionale in gravidanza: valutazione dello stato di nutrizione e determinazione dieta ottimale
  • Screening nutrizionale con consigli alimentari
  • > Tutti i servizi

E’ vero che per abbassare il colesterolo basta mangiare meno formaggi e salumi?

Assolutamente no. La dieta deve essere rivista a 360° dove dieta significa stile di vita.

E’ vero che esiste una correlazione tra dieta e gruppi sanguigni?

Sicuramente i gruppi sanguigni interferiscono con il metabolismo degli organi quindi ci sono alimenti più “amici” di alcuni gruppi e meno di altri.

Da anni a mio marito spesso compaiono le emorroidi (esterne). Nonostante le cura sempre con medicinali e spesso anche con punture, il problema ritorna puntualmente. Lui soffre anche di stipsi. Cosa possiamo fare?

Dopo aver letto la frase “lui soffre anche di stipsi”, credo proprio di non sbagliarmi a scriverle che spesso e volentieri la stitichezza può causare emorroidi. Perciò prima di curarsi le emorroidi, suo marito dovrebbe eliminare la stipsi, e vedrete che il problema non dovrebbe più riscontrarsi. Perciò deve immediatamente iniziare a bere molto, a mangiare più fibre, più verdura e abbondare con kiwi e prugne.

Dottoressa i biscotti che uso ogni giorno contengono olio di palma. È vero che è così dannoso? Devo evitarlo?

L’olio di palma è un olio vegetale che esiste da sempre all’interno dell’industria alimentare. Dove prima scrivevano “olio vegetale” oggi scrivono “olio di palma”. Certamente fa male utilizzarlo come condimento ogni giorno nella nostra alimentazione. L’olio extravergine d’oliva è un bene prezioso ed è l’unico che non fa male alla salute anzi… Purtroppo l’estrazione dell’olio di palma è dannosa per l’ambiente.

1 anno fa ho seguito la dieta dukan. Perché finita la dieta ho riacquistato tutti i kg persi?

Purtroppo eliminando tutto tranne le proteine, il corpo va in autoprotezione e nel momento in cui le reintegri riassorbi dai nutrimenti più del dovuto. Infatti quando si elimina totalmente da una dieta un alimento, il nostro corpo non reagisce in maniera fisiologicamente adeguata.

Ho la vitamina d bassa, cosa posso fare?

La vitamina D è una vitamina liposolubile che si trova nel grasso dei pesci. Puoi sicuramente integrare in maniera costante 1 volta a settimana il salmone, ma sappi che è una vitamina che si attiva con il sole e che risente molto di un mancato assorbimento intestinale per uno squilibrio della flora batterica. Ti consiglio di controllare bene i tuoi assorbimenti intestinali (tramite l’esame del sangue), mangiare salmone, camminare almeno mezz’ora al giorno durante le ore di luce e se necessario provvedere immediatamente ad una integrazione poiché come sai la vitamina D è molto importante nel metabolismo delle ossa.

E’ vero che integrare con acido folico fa sempre bene?

Tutte le integrazioni vanno fatte se strettamente necessario. Di certo fa bene integrare se ce ne è bisogno e non integrare qualora il tuo medico non ti riferisca di averne bisogno.

E’ vero che se ingrassiamo ingrassa anche il nostro fegato?

Se metti peso non è detto che stai mettendo grasso, ma sicuramente se metti grasso parte di esso andrà a costituire il grasso viscerale che altro non è che grasso intorno al fegato.

A pranzo mangio sempre insalata col tonno perché mi risulta facile e veloce, e perché mi voglio tenere leggera, faccio male?

Né bene, né male…poiché é vero che si tratta di un piatto leggero, da preferire ad un primo piatto molto lavorato, ma é anche vero che l’alimentazione deve variare il più possibile e qualsiasi alimento mangiato in modo ripetuto ogni giorno rischia di intossicare l’organismo. Inoltre stiamo parlando di tonno, pesce predatore ricco di metalli pesanti che più facilmente si accumulano nel nostro organismo e possono scatenare reazioni da intossicazione.

Da poco ho scelto di seguire un regime alimentare vegano, ma in compenso consumo molte proteine di origine vegetale e molte verdure. Posso stare tranquilla o sbaglio in qualcosa?

Un regime vegano non è ottimale per l’organismo umano, i cui fabbisogni necessitano di una dieta onnivora. Dunque un’alimentazione vegana mantenuta nel lungo periodo, seppure ricca in proteine vegetali e verdure,  predispone ad una serie di carenze vitaminiche e aminoacidiche importanti che potrebbero richiedere l’intervento di integratori (senza i quali si rischia di sfociare in patologie anche gravi).

Mi hanno appena diagnosticato un’intolleranza al nichel… So che purtroppo dovrò stare attenta a molte cose, ma vorrei sapere se fosse possibile avere una lista su tutti gli alimenti si e gli alimenti no? Grazie!

Non preoccuparti. Ecco una tabella molto utile: Cibi da evitare o di cui controllare le quantità assunte

Aringhe Asparagi Avena Biscotti Brioches Cacao Caramelle Cibi in scatola Cioccolato Cipolla (se usata solo per insaporire va bene) Crackers Crostini Dadi da brodo (tutti, anche vegetali) Fette biscottate Focaccia Fritti Frutta secca Funghi Gelato industriale Grano saraceno Grassi cotti (con qualsiasi tipo di olio) Grassi vegetali idrogenati Grassi vegetali non idrogenati e cotti Grissini KiwiLenticchie Mais Margarine Marmellata (controllare l’etichetta per l’eventuale presenza di grassi) Merendine industriali Miglio Olii/grassi idrogenati e non idrogenati Ostriche Pan carrè Pane all’olio Pane integrale Pasticcini Patatine fritte Pera Polenta Pomodoro Pop corn Prugna Rabarbaro Snacks Spinaci Torte Uva passa

Alternative suggerite

Dolci fatti con burro Fette croccanti di farine varie (niente mais, avena, miglio e grano saraceno) Fiocchi di cereali (niente mais, avena, miglio e grano saraceno) Gallette di riso Granite Muesli (senza uvette né semi oleosi)Olii di singolo seme usati a crudo Olio extra vergine d’oliva usato a crudo Pane non conditto Sorbetti Zabaione

 

Mi hanno detto che la candida vive anche nell’intestino, è vero? che sintomi da?

La candida purtroppo è un fungo che vive in tutto il nostro corpo e lo dimostra il fatto che a volte ci ritroviamo della candida sotto le ascelle, sotto le mammelle, sulle unghia dei piedi, in bocca e purtroppo anche nello stomaco. Nell’intestino è sempre presente la candida ma è tenuta sotto controllo e silente grazie ai batteri buoni dell’intestino stesso (ricordiamoci che nell’intestino ci sono 2,5kg circa di batteri di varie tipologie e specie, buoni o cattivi). Quando la candida prende il sopravvento si manifesta tramite gonfiori di pancia, soprattutto nella seconda parte della giornata, cattiva assimilazione, stanchezza, perdita di capelli, unghia rigate, ma anche solo astenia.

Dottoressa, cosa devo evitare di mangiare se ho un’ernia iatale?

Ciao, visto che hai questo problema ti conviene mangiare molto leggero e con verdure non acide. Togli le solanacee, gli zuccheri semplici, evita i latticini, gli zuccheri e i carboidrati la sera. Inoltre non sottovalutare la frutta il quale con tutto il suo carico di fruttosio ha un forte potere acidificante, per cui solo lontano dai pasti e mai la sera. Se anche così non riuscissi a trovare sollievo, l’eliminazione deve essere più mirata e per fare ciò c’è bisogno di analizzare completamente il tuo stato di salute.

La sera ho sempre mal di pancia, cosa può essere?

La fermentazione intestinale serale deriva da una disbiosi quindi un disequilibrio della flora intestinale.

Dottoressa, amo la palestra. Se prendo le proteine in polvere mi cresce il muscolo?

Non è detto, per costruire una casa non ci vogliono solo i mattoni ma anche cemento, pavimenti, …

Peso 90 kg e il prossimo anno mi sposo. Amo la carne, come posso fare per non soffrirne la mancanza durante la dieta? vorrei perdere 15kg.

Ciao! Fare la dieta significa imparare a nutrire il proprio corpo in modo sano corretto. Non è  detto che dovrai soffrire la mancanza della carne; la puoi mangiare!!  Il presupposto principale  è  variare e bilanciare i nutrienti (assolutamente NO le calorie!).

Quale è l’alimentazione corretta in gravidanza per non avere problemi di sovrappeso poi dopo il parto?

Ciao! In gravidanza non si deve fare altro che mangiare sano e non farsi prendere dagli attacchi di fame!

Dottoressa non riesco a perdere peso. Forse c’è qualcosa che non va, cosa potrebbe essere? Ho un’alimentazione vegana.

Ciao! L’alimentazione vegana ti ha potuto portare ad un accumulo di batteri intestinali che hanno causato malassorbimento dei nutrienti. Per risolvere bisognerebbe capire cosa mangi giorno per giorno!

Dottoressa quale è la giusta alimentazione per aumentare la massa muscolare?

Ciao! Devi mangiare bene, dando il giusto apporto non solo di proteine, ma anche di carboidrati per riservare il benessere dei tuoi muscoli e per costruire il muscolo!

Dottoressa, faccio molta attività fisica. Che ne pensa degli integratori? Possono essermi di aiuto?

In commercio esistono diversi tipi di integratori, cosa si intende? se parliamo di sali minerali allora l’integrazione è utile nel momento in cui si suda molto. Se parliamo di aminoacidi o proteine il discorso è differente, l’integrazione di questi ultimi va studiata sul singolo soggetto ma in linea generale aminoacido e proteine si trovano negli alimenti comuni (carne,pesce latte e derivati) e nella maggior parte dei casi non occorre integrare dall’esterno amenochè non sussistano problemi di assunzione di alimenti normali.

Ho sentito parlare di questi aminoacidi ramificati da molti sportivi. Ma a che servono?

Gli aminoacidi ramificati o BCAA sono leucina-isoleucina-valina; la loro caratteristica principale è che non passano dal fegato per essere metabolizzati ma agiscono direttamente sul muscolo mediante un’azione anticatabolica. Le loro funzioni sono molteplici, forniscono maggior energia durante gli allenamenti, impediscono il sopraggiungere della sensazione di fatica, favoriscono il recupero post esercizio, stimolano la sintesi proteica. Va sottolineato che studi scientifici hanno dimostrato che una normale alimentazione (non vegana) fornisce tutti gli aminoacidi di cui necessita uno sportivo, compresi i BCAA e l’integrazione ha senso solo per allenamenti di elevata intensità e durata o nutrizione insufficiente.

Tutti i miei amici in palestra si riempiono di carboidrati dalla mattina alla sera. Fanno bene? Io non ne assumo molti…

I carboidrati sono la fonte di energia principale per il nostro organismo, e non devono mai mancare sulla tavola soprattutto di chi fa attività fisica; il nostro organismo necessita di glucosio (un carboidrato semplice), se manca, il corpo lo trasforma a partire da altri substrati energetici (lipidi e proteine) causando una situazione di acidosi che va a danneggiare sia i muscoli sia l’organismo in toto.

Per ogni tipo di sport e/o di risultato che si vuole ottenere (dimagrimento, aumento massa, miglioramento performance ecc…) la miscela di carboidrati si modificherà a seconda delle necessità.

Cosa posso mangiare per avere una pelle bellissima?

Sicuramente la pelle è lo specchio dell’intestino quindi un intestino pulito fa in modo di avere una pelle perfetta. Inoltre ci sono alimenti che aiutano a depurare dalle tossine il nostro corpo e quindi anche la pelle, come il pesce (però non tutti i tipi) e tipo la zucchina, la carota..

In famiglia hanno tutti il diabete e ho paura di svilupparlo anche io. Come posso evitarlo?

Mantieni sempre sotto controllo i carboidrati, soprattutto nella seconda parte della giornata momento in cui il pancreas va un po’ a “riposo” secondo il suo ritmo circadiano regolato dalla luce del sole. Fai tanta attività fisica!

Da circa 2 mesi soffro di crampi dovuti probabilmente alla mia notevole attività fisica degli ultimi mesi, voglio perdere peso (mi sposo ad Agosto) e sto correndo molto. Non riesco a risolvere questo problema che mi impedisce di proseguire con i miei allenamenti. Da nutrizionisti avete qualche consiglio utile?

I crampi muscolari verosimilmente potrebbero essere associati ad un periodo di forte stress concomitante ad una disidratazione e perdita di sali minerali conseguenti ad una eccessiva attività fisica (in questo caso la corsa). Non bisognerebbe aspettare lo stimolo della sete (in cui si è già disidratati) ma bere a piccoli sorsi durante tutto l’arco della giornata almeno 1,5 -2 litri di acqua; le acque ricche di sodio, calcio e di magnesio sono le migliori per reintegrare questi preziosi sali minerali che intervengono nel metabolismo muscolare e di tutto l’organismo.In oltre consiglio l’uso di latticini, banane, verdure fresche.Se il problema persiste potremo valutare un’integrazione extra di sali minerali.

Sono a dieta da qualche mese, ma ora ho paura delle vacanze di Natale. Cosa succede se rimetto su i kg persi?

Io sono sicura che se hai lavorato bene in questi mesi, hai ben attivato il tuo metabolismo e di conseguenza non mi preoccuperei molto. I veri giorni di festa non sono tanti.. goditi il tuo cibo e subito dopo riprendi il tuo percorso. Non dimenticare di bere tanta acqua e di fare una bella camminata tutti i giorni. Buone feste.

Dopo le feste, ha senso fare una dieta disintossicante?

Dipende cosa si intende per dieta disintossicante. Purtroppo, oggigiorno, si trovano in rete (e non solo) molti tipi di mode alimentari. Il mio consiglio è sempre quello di rivolgersi a degli esperti che ti “disintossicheranno” in maniera sana e personalizzata.

Per dimagrire, bisogna eliminare totalmente i carboidrati?

No. Il carboidrato è la nostra benzina, quindi sicuramente è necessario. Sfatiamo il mito che il carboidrato fa ingrassare.. dipende tutto dalla sua qualità, dalla quantità e dall’orario in cui viene consumato.

Ho la cellulite sulle gambe, in farmacia mi hanno consigliato delle creme, possono bastare o mi consiglia di integrare con una dieta specifica?Ho la cellulite sulle gambe, in farmacia mi hanno consigliato delle creme, possono bastare o mi consiglia di integrare con una dieta specifica?

Ciao, l’uso di creme può essere utile nel momento in cui già stai seguendo un regime alimentare corretto. Quindi ti consiglio di abbinare entrambe le cose, anche perchè ci sono alimenti che contrastano la ritenzione idrica e altri che invece la peggiorano.

Perdo un sacco di capelli. Eppure sono sempre molto attenta alla mia forma fisica, sono continuamente a dieta… ovviamente seguo diete fai da te. Dice che potrebbe essere questa la causa?

E’ importante mantenersi in forma, ma dando al nostro organismo un giusto apporto di nutrienti, ciò si ottiene bilanciando correttamente gli alimenti cercando di non eliminare niente.Il benessere del nostro corpo dipende grandemente da quello che mangiamo, per cui fai attenzione potresti essere carente in qualche micronutriente e la caduta dei capelli potrebbe essere un campanello d’allarme che il tuo corpo ti sta dando!

Ultimamente ho molta fame e desidero mangiare dolci. Per quale motivo?come posso frenare questa voglia?

La voglia di dolce è spesso associata ad una fame nervosa. Dunque non è veramente fame ma è più un desiderio di coccole che spinge la mente a desiderare qualcosa di gratificante. Imparando a riconoscerla potrete riuscire ad ingannare la mente trovando gratificazione in altro…per esempio una bella passeggiata, ascoltare la musica, stare con i propri amici a 4 zampe ecc…

In costa consiste il test EAV per le intolleranze alimentari e i dismetabolismi? E' un test invasivo? C'è una preparazione da fare?

Il test EAV (ELETTRO-AGOPUNTURA SECONDO VOLL) permette di individuare i dismetabolismi, le incompatibilità alimentari, le disbiosi intestinali, i batteri intestinali e gli eventuali disequilibri dei metalli. Alla fine del test, in presenza di disequilibri, vengono consigliati gli opportuni rimedi.

Il test non è invasivo e per un corretto svolgimento sono necessari alcuni accorgimenti:

  1. si consiglia di arrivare alla seduta qualche minuto prima, non troppo stanchi e non subito dopo un pasto abbondante né dopo un prolungato digiuno
  2. è importante che, 24 ore prima del test, il Soggetto mantenga una alimentazione leggera ed esente da alcolici
  3. alcune ore prima del test evitare di assumere caffè-the-cioccolato-alcool e non lavare i denti con dentifrici che contengono menta
  4. è preferibile non assumere farmaci, in particolare tranquillanti e cortisonici, nelle 24 ore che precedono la seduta

Devo portare con me delle analisi per il primo incontro?

E’ preferibile essere in possesso di un ematocrito completo con  ves, creatinina, colesterolo, ferritina e le analisi delle urine, il tutto di un tempo non maggiore di un anno. In caso contrario si valuta con la nutrizionista il tipo di esami da fare e le tempistiche. Gli esami del sangue permettono al professionista di costruire un piano più adatto alle esigenze del corpo (e della mente).

Mi capita spesso di abbuffarmi e non saper dire basta. Devo preoccuparmi?

Mangiare è un piacere.. Abbuffarsi un pò meno… Direi di non preoccuparsi tanto ma mi piacerebbe parlare un pò con lei… Ha coscienza di ciò che fa? Iniziamo a rispondere a questa domanda.

Spesso mi capita di avere una forte diarrea acuta. Ho fatto analisi e sono andata da diversi medici. Molti di loro mi hanno consigliato di evitare alcune verdure. Potete spiegarmi il motivo e quali verdure evitare?

Si i miei colleghi hanno ragione, anche se la cosa più importante durante la diarrea, è bere tanta acqua per evitare disidratazione, spesso noi consigliamo di evitare alcune verdure proprio per la loro natura “esplosiva”, soprattutto: fagioli, cavoli e i cavolini di Bruxelles. Cerca inoltre di evitare, durante gli attacchi di diarrea, i latticini.

Come mai lo stress mi fa gonfiare? vado incontro alla depressione!!!

Lo stress (mentale e fisico) induce rilascio di cortisolo (altresì detto “ormone dello stress”), ovvero un ormone che rallenta il metabolismo, stimola la sintesi di tessuto adiposo e blocca l’utilizzo del grasso di riserva. Ciò significa che nel tempo tendi ad accumulare grasso di riserva, pur mangiando poco. Nel breve periodo, invece, l’aumento del cortisolo porta a ritenere molta acqua nei tessuti, motivo per cui percepisci subito un senso di gonfiore. Stai tranquilla, non deprimerti se vedi che il tuo corpo reagisce allo stress, perché sta solo cercando di proteggerti! Piuttosto impara a riconoscere i segnali che ti manda e vedrai che starai sempre in armonia con te stessa!

 

Dottoressa cosa sono le intolleranze?

Le intolleranze sono sintomo di una reazione dell’organismo a cibi assunti per lungo tempo e in quantità elevate, che creano un accumulo di sostanze sgradite all’organismo stesso.

Come mi accorgo di essere intollerante o allergico a qualcosa?

Innanzitutto bisogna fare una distinzione tra intolleranza e allergia.

L’allergia è la risposta del sangue a una sostanza estrane ed è scatenata dalla presenza di anticorpi nel sangue della classe IgE che se entrano in contatto con gli allergeni possono provocare manifestazioni IMMEDIATE e spesso anche violente.

L’intolleranza è la risposta dell’intestino a certi cibi e si manifestano in maniera LENTA e PROGRESSIVA e soprattutto non subito dopo l’ingestione di un alimento. I disturbi più comuni, tipici proprio delle intolleranze, sono: cefalea, sonnolenza, stanchezza cronca, stipsi, gonfiori, ansia, stress, improvvisi cambiamenti di peso, eruzioni cutanee.

Il mio medico ha detto che soffro di ibs. Ho letto su internet la sua definizione ma vorrei saperne di più. Cosa è?

Sindrome del colon irritabile… Vuol dire letteralmente che abbiamo un intestino un pò “nervoso”… Ognuno di noi spesso somatizza la sua quotidianità in qualcosa e ahimè l’intestino purtroppo è un secondo cervello.

Bisogna lavorarci con corpo e mente… Si rilassi.. Mentre da nutrizionista posso solo dirle che potremo eliminare alcuni alimenti che peggiorano il problema.. Ma ripeto il primo lavoro va fatto internamente..

In cosa consiste la prima visita?

La prima visita consiste in una Anamnesi dove si studiano le abitudini della persona e le sue esigenze. Viene effettuato un test bioimpedenziometrico per valutare i valori corporei di: massa grassa, massa magra, massa muscolare, ritenzione idrica, fabbisogno metabolico, peso ideale e alla fine viene costruita una dieta personalizzata.

Dopo la prima visita sarò seguita periodicamente? Ogni quanto?

A distanza di circa 2 settimane dal primo incontro viene effettuato il primo controllo per analizzare la risposta dell’organismo al nuovo regime alimentare. I successivi controlli solitamente sono mensili e fino al raggiungimento dell’obbiettivo prefissato.

Cosa è il glutine e dove si trova?

Il glutine è una proteina composta che si trova all’interno di tutti i carboidrati derivanti principalmente da grano. Il problema del glutine è che non viene digerito facilmente dal nostro intestino. Purtroppo il glutine rende più morbidi pane e pasta poiché crea migliore performance di lievitazione e una buona cottura. Per questo motivo le industrie alimentari hanno aumentato il quantitativo di glutine all’interno di questi tipi di grani per avere migliore resa del prodotto a discapito del nostro intestino. Bisognerebbe solo far in modo di abbassare il quantitativo di glutine introdotto giornalmente nel nostro corpo per far in modo che il nostro organismo abbia il tempo di digerirlo. Quindi il glutine non va visto come una cosa “cattiva” ma con occhio critico.

Perchè rivolgersi al Nutrizionista?

E’ necessario rivolgersi al massimo esperto in Nutrizione per raggiungere o recuperare, con un’attenta educazione alimentare,  uno stato di salute ottimale e il peso forma naturale. Il raggiungimento degli obbiettivi si realizza attraverso un’attenta analisi dei bisogni nutritivi ed energetici del paziente che viene incontrato periodicamente e seguito durante il percorso anche, se necessario, sotto l’aspetto psicologico.

Per la valutazione della composizione corporea viene effettuata l’analisi biompedenziometrica delle masse magre, masse grasse e idratazione corporea con una BIA, uno strumento professionale attendibile e affidabile.

Inoltre, per risolvere eventuali problematiche come gonfiore, cattiva digestione, diarrea, stitichezza, cellulite, gastrite,  intolleranze alimentari e dismetabolismi si ricorre molto spesso al test EAV, un test non invasivo che permette di analizzare tutti questi fattori e dove occorre rimediare in modo naturale. Questo permette il raggiungimento degli obbiettivi prefissati nel nuovo piano alimentare con un conseguimento del netto miglioramento dello stato di salute del paziente.

Il Biologo Nutrizionista ascolta il paziente, lo guida, lo  aiuta a prendersi cura di sè per raggiungere il benessere che non è solo il peso corporeo ma un equilibrio alimentare limitando e dove possibile eliminando del tutto l’uso di farmaci. Questo lo attua tenendo conto di gusti ed esigenze e non privando del tutto il paziente nell’uso di alcuni alimenti.

Quanto sono importanti le kcal in una dieta? devo guardare solo quelle di un alimento?

Carissima, rispondere a questa domanda è molto semplice. Secondo te a parità di calorie è meglio 150g di pollo o una fettina di burro? Chi dei due ti da’ più nutrimenti al fine di poter garantire al tuo corpo una vita corretta? La caloria non è tutto, bisogna saper scegliere anche il tipo di alimenti.

Sono una ragazza di 23 anni e spesso soffro di cistite. Per me è un gran bel problema anche perché sento spesso del bruciore.. Può aiutarmi qualche alimento? Qual è la causa?

Non devi preoccuparti perché è una delle infezioni più comuni che i medici devono curare. Il più delle volte è dovuto a un batterio Escherichia Coli, che una volta entrato nel tratto urinario inizia a creare problemi. Io ti consiglio di bere molto di più, questo ti aiuterà a eliminare più velocemente le urine senza dar tempo ai batteri di stare più a contatto con le urine e colonizzarsi. In più prendi più vitamina C, aiuterà ad acidificare le urine ostacolando la crescita batterica. Inoltre puoi assumere dei fermenti lattici per un mese.

Pasti sani a domicilio by  

Un servizio a 360 gradi per la tua alimentazione: studiamo, cuciniamo e consegniamo esattamente i cibi di cui il tuo corpo ha bisogno.

Registrati compilando il form su www.nutribees.com, inserisci il codice professionista DNAMIL2017 per ottenere lo sconto esclusivo del 15% sul primo ordine!

Back To Top
×Close search
Cerca
WhatsApp chat