skip to Main Content
MENU

os

L’osteopatia è un sistema di diagnosi e trattamento volto al ripristino dello stato e dell’equilibrio generale del corpo, delle sue funzioni e del suo benessere, attraverso specifiche tecniche di manipolazione.

Pur basandosi sulle scienze fondamentali e le conoscenze mediche tradizionali (anatomia, fisiologia, etc..) non prevede l’uso di farmaci, ma attraverso manipolazioni e manovre specifiche si dimostra efficace per la  prevenzione, valutazione ed il trattamento di disturbi che interessano non solo l’apparato neuro-muscolo-scheletrico, ma anche cranio-sacrale (legame tra il cranio, la colonna vertebrale e l’osso sacro) e viscerale (azioni sulla mobilità degli organi viscerali).

Con l’osteopatia biodinamica inoltre è possibile riequilibrare tutti i fluidi del corpo, ripristinando tutti i processi infiammatori in atto (per esempio sciatiche in fase acuta).

Il corpo è concepito come un’unità, quindi il trattamento osteopatico è un trattamento sulla globalità del paziente.

Per questo motivo è fondamentale l’interazione tra osteopata e altre figure professionali, per garantire un’assistenza a 360° volta al raggiungimento della salute del paziente.

Il campo d’azione è molto vasto:

  • Tutte le problematiche osteoarticolari (lombalgia, cervicalgia, dorsalgie, coccigodinia, problematiche legate alla postura, scoliosi, tendiniti, fasciti); dolori post-traumatici.
  • Tutte le problematiche legate agli organi interni (gastrite, problemi intestinali, intolleranze alimentari, dolori mestruali, cistiti e infezioni dell’apparato ginecologico, emorroidi, allergie, disturbi dell’apparato respiratorio, vertigini, emicranee, anomalie del sistema neurovegetativo, disturbi del sonno, disturbi dell’ORL, problematiche dell’apparato stomatologico, problematiche circolatorie).
  • Trattamento della donna in gravidanza (dolori alla colonna, cervicalgie, sciatiche, nausee, stitichezza, preparazione al parto)
  • Trattamento del neonato, riequilibrio del cranio del bambino dopo il parto, trattamento della plagiocefalia, problematiche di suzione, trattamento coliche, otiti, patologie dell’infanzia.

Quali disturbi sono più comunemente curabili con l’Osteopatia?

  • mal di schiena, lombalgia
  • sciatalgia
  • difficoltà nella respirazione
  • problemi digestivi e bruciori di stomaco
  • difficoltà nel transito intestinale e costipazione
  • dolori alle gambe
  • problemi circolatori agli arti inferiori
  • dolori alla cervicale
  • mal di testa
  • mobilità del sacro
  • reflusso gastrico
  • infezioni del tratto urinario
  • vaginite o dolore durante i rapporti sessuali
  • tunnel carpale

I SERVIZI

  • Visita osteopatica
  • Visita osteopatica per la donna in gravidanza (dalla 12 settimana fino al parto)
  • Visita osteopatica per il neonato

Il trattamento osteopatico è invasivo?

Assolutamente no. La seduta di osteopatia prevede una valutazione iniziale del “sistema corpo”, e il trattamento prevede delle manovre manuali per ripristinare la corretta mobilità delle strutture e il riequilibrio del corpo (dal punto di vista fasciale, muscolare, viscerale e cranio-sacrale dei liquidi del corpo).

Il trattamento osteopatico è doloroso?

Non è assolutamente doloroso, le manovre sono soft, e rispettano la fisiologia del corpo. L’obiettivo del trattamento è quello di ridonare comfort, benessere e salute al sistema, senza stressare le strutture.

Quanto dura un incontro?

La prima seduta, che prevede una prima parte di colloquio e anamnesi del paziente, dura normalmente 1 ora. I successivi controlli durano 45 min. La frequenza dei trattamenti è varia, ma in genere non sono mai troppo ravvicinati (max 1 volta a settimana per le prime sedute), in quanto è necessario del tempo affinché le manovre effettuate durante il trattamento vengano elaborate ed integrate dal sistema.

Vi sono delle controindicazioni al trattamento osteopatico?

Non esistono controindicazioni al trattamento osteopatico. Possono essere trattate tutte le tipologie di pazienti, dal neonato all’anziano, alla donna in gravidanza.

È necessario portare con sé delle analisi per il primo incontro?

È consigliabile in prima seduta portare esami del sangue recenti (per valutare la funzionalità dei vari organi) e degli esami specifici di imaging (radiografia, tac, risonanza magnetica) relativa alla zona del dolore. Tali esami sono utili nella raccolta dei dati anamnestici, ma non sono fondamentali ai fini del trattamento osteopatico, in quanto già con la valutazione iniziale l’osteopata raccoglie dati sufficienti per il trattamento stesso.

Dopo il percorso posso monitorare periodicamente la mia situazione?

Dei check up periodici sono consigliabili, per monitorare il sistema e garantire il giusto comfort, il benessere e lo stato di salute del soggetto.

Da che settimana di gravidanza posso vedere l’osteopata?

È consigliabile la prima visita dopo la 12 settimana, visto che i primi tre mesi sono i più critici, dal punto di vista ormonale e di modificazioni uterine.

Il trattamento osteopatico in gravidanza è invasivo?

Assolutamente no, consiste in manovre molto dolci che rispettato il corpo nel paziente e il feto.

Il mio bambino è nato dopo un travaglio lungo e difficoltoso, ora presenta problematiche di suzione e il cranio risulta asimmetrico. Posso farlo veder ad un osteopata?

Il trattamento osteopatico è quello più indicato per la risoluzione di queste problematiche; riarmonizzando il cranio del bambino si tolgono delle lesioni e dei compensi, che spesso sono la causa di problematiche del neonato (rigurgiti, problemi di suzioni, disturbi del sonno). Il trattamento è molto dolce e rispetta il neonato, tanto che spesso il bimbo si addormenta e si rilassa durante la seduta.

 
Back To Top
Cerca